QUANDO PRENDERE UN CANE E QUALE SCEGLIERE

Spesso quando si decide di prendere un cane si pensa subito ad un cucciolo, ma è bene sapere che non è l’unica scelta possibile e che potrebbe non essere la decisione migliore per noi.

Prima di tutto ci tengo a fare presente che un cane, indipendentemente dall’età, ha un costo annuo che incide notevolmente sul bilancio familiare. La media per il mantenimento di un cane va dai 1500 euro ai 2000 euro all’anno, che nel caso di un cucciolo tenderà più verso la cifra massima. Questo se il nostro cane sta sempre bene, nel caso in cui invece ci siano problemi di salute ovviamente la cifra potrebbe aumentare anche di molto.

Bisogna essere consapevoli di quanto costa mantenere un cane, per evitare di rendersi conto all’improvviso di non essere in grado di prendersi cura di lui (molti cani vengono portati in canile proprio per questo motivo).

L’aspetto economico richiede senso di responsabilità. Se avete deciso di prendere con voi un animale, dovrete accettare di prendervi cura di lui in tutti gli ambiti che riguardano il suo benessere psicofisico, anche se questo richiede delle spese importanti.

Le spese più importanti riguardano:

  • Spese veterinarie: rappresentano sempre un costo notevole, possono capitare urgenze per le quali si rende necessaria una spesa anche di migliaia di euro, e dovrete essere in grado di affrontarla dal momento che avete deciso di diventare responsabili di un altro essere vivente.
  • Spese alimentari: dovrete essere in grado di fornirgli il cibo migliore in base alle sue esigenze, le crocchette del discount non sono la scelta più appropriata e spesso portano a problematiche di salute che poi dovranno essere curate.
  • Spese delle attrezzature e degli accessori (cucce, lettini, coperte, guinzagli, collari o pettorine,…).
  • Spese gestionali (ad esempio io mi sono ritrovata con un cucciolo – di una razza da caccia e quindi con esigenze perlustrative ed esplorative alte – che aveva la tendenza a scappare sempre dal giardino, e più sistemavo i punti da cui riusciva ad uscire più ne trovava di nuovi; alla fine ho dovuto alzare ed interrare tutto il recinto che delimitava il mio giardino ed alzare anche il cancello, e vi assicuro che è stata una spesa imprevista non da poco!!).
  • Danni: c’è anche questo aspetto da considerare. A volte un cane fa dei danni, potreste ritrovarvi con un cane ansioso che quando lasciato solo distrugge i mobili della casa, oppure un cucciolo che fa a pezzi le vostre scarpe o altri oggetti per voi importanti e che richiederanno una spesa per essere riacquistati.

Come dice Simone Della Valle nel suo libro “Come (e perché) scegliere un cane” (che consiglio di leggere a chiunque abbia intenzione di prendere un animale), il cane è un dovere, non un diritto” (e questo vale per qualsiasi animale ci portiamo in casa).

Se non è il momento migliore per voi a livello economico per avere un animale, magari potete valutare l’idea di andare a lavorare come volontari in un canile, così potrete iniziare ad instaurare una relazione con qualche cane e allo stesso tempo dare a lui la possibilità di ampliare le sue esperienze sociali.

 

Scegliere un animale adulto o anziano (per anziano si intende con più di 8-10 anni in base alla taglia, e non vuol dire che sia anche limitato fisicamente o che abbia dei problemi di salute), potrebbe essere più appropriato se:

  • Avete poco tempo da dedicargli: un cucciolo, ancora più di un cane adulto, richiede un notevole impegno in termini di tempo e lavoro, e soprattutto nei primi mesi non dovrà essere lasciato solo a lungo. Se il nostro stile di vita ci porta fuori casa 8-10 ore continuative, un cucciolo non è la scelta più adatta!
  • Siete prevalentemente sedentari e vi muovete poco (in questo caso la scelta più appropriata sarebbe probabilmente un cane anziano).
  • Avete problemi fisici o legati all’età tali da non permettervi di stare al passo di un animale in crescita (anche in questo caso, forse, la scelta più corretta ricadrebbe su un cane anziano).
  • Siete alla vostra prima esperienza: il motivo più frequente per cui si sceglie di prendere un cucciolo è rappresentato dal fatto che in tal modo saremo noi a decidere come farlo crescere, ma bisogna stare attenti e dedicare tempo alla sua educazione, perché un cucciolo rappresenta sempre un’incognita su come diventerà caratterialmente, gli errori che vengono fatti nei primi mesi di vita sono quelli che incideranno maggiormente sullo sviluppo di problematiche comportamentali e che saranno difficilmente eliminabili.

La scelta di un cane adulto o anziano  può dare molto dal punto di vista emozionale e relazionale: i canili sono pieni zeppi di cani non più giovanissimi, che non vengono scelti proprio per l’età.

Sarebbe in ogni caso opportuno che l’adozione venisse attentamente valutata e seguita da un veterinario comportamentalista o da un istruttore cinofilo per arrivare a scegliere il cane più adatto a voi  (attenzione: non sempre i  gestori di canili o i volontari di associazioni animaliste hanno le competenze per capirlo).

 

 

Condividimi