FAQ

L’OMEOPATIA E’ UN PLACEBO? 

Spesso l’omeopatia è stata accusata di agire con effetto placebo, ma il fatto che venga usata con ottimi risultati sia nei bambini che negli animali, ma anche in insetti (ad esempio sta trovando molta strada nell’apicultura) e nelle piante (ebbene si, esiste anche la agro-omeopatia!) dimostra che non si può parlare di effetto placebo!

          

L’OMEOPATIA HA EFFETTI TOSSICI?

È vero che per molti rimedi il materiale di partenza è una sostanza con effetti tossici, ma le altissime diluizioni rendono il rimedio omeopatico praticamente privo di materia e totalmente innocuo e privo di tossicità.

 

SE L’OMEOPATIA NON HA EFFETTI COLLATERALI, PERCHÉ’ DOPO AVER SOMMINISTRATO IL RIMEDIO C’E’ STATO UN AGGRAVAMENTO DEI SINTOMI?

Sebbene non si verifichi sempre, in alcuni casi può capitare il cosiddetto aggravamento omeopatico. In genere è un evento che si verifica all’inizio del trattamento con comparsa di sintomi nuovi, aggravamento di alcuni sintomi attualmente presenti o ricomparsa di vecchi sintomi, e indica che il rimedio sta creando una reazione nell’organismo. È importante sapere che si potrebbe verificare tale situazione per non spaventarsi e non interrompere una terapia che sta funzionando, ma è sempre meglio comunicare al vostro medico omeopata la comparsa di tale aggravamento in modo tale che possa valutare se la terapia in atto necessita di essere modificata.

 

CHE MALATTIE SI POSSONO CURARE CON L’OMEOPATIA?

L’omeopatia è utile praticamente in tutte le patologie, purché l’organismo sia ancora in grado di reagire. Nei casi in cui vi sia una grave compromissione della capacità di reazione, come ad esempio situazioni croniche o neoplastiche in cui gli organi interessati presentano delle lesioni strutturali irreversibili, è chiaro che la cura omeopatica, così come quella allopatica, non potrà mai riportare l’animale allo stato di salute iniziale. Tuttavia anche in questi casi si può intervenire con una terapia omeopatica per far si che il soggetto viva il tempo che gli è rimasto nel miglior modo possibile. Allo stesso modo l’omeopatia non può sostituire un intervento chirurgico, ma può essere utile per cercare di far superare al meglio il periodo peri e post chirurgico.